Benvenuto sul mio blog

Ecco il modo più semplice per conoscermi!

martedì 25 gennaio 2011

Emoderivati: il Ministro deve dare risposte chiare per garantire la salute dei cittadini

Quali provvedimenti saranno presi per garantire e tutelare la salute dei cittadini italiani di fronte al possibile rischio di contaminazione di alcuni lotti di emoderivati immessi sul mercato italiano? Questo abbiamo chiesto al Ministro Fazio e su questo ci aspettiamo presto delle risposte concrete. Come capogruppo dell’Idv in Commissione Affari Sociali e Responsabile Nazionale del Dipartimento Sanità e Salute del partito, ho presentato, insieme a Silvana Mura, un’interrogazione al Ministro della Salute.
Al di là delle dichiarazioni rilasciate dai vertici di Aifa e Iss nella giornata di ieri e a seguito della vicenda emersa dall’articolo di Repubblica, l’Idv chiede un intervento forte e chiaro del Ministro, in linea con il suo ruolo di garante della salute pubblica, che redima questa intricata vicenda di permessi ed autorizzazioni le cui uniche vittime potrebbero essere i cittadini italiani.
La nostra storia recente ha purtroppo dimostrato che interessi privati e corruzione possono infiltrarsi in campo sanitario e provocare danni irreparabili. Per questo chiediamo garanzie, vigilanza e controllo, al fine di scongiurare il pericolo di un nuovo scandalo, poiché quello precedente, risalente al Ministro De Lorenzo, ha già mietuto troppe vittime nel nostro Paese.

2 commenti:

  1. complimenti per il coraggio,avete l appoggio di noi malati tutti...è troppo tempo che attendiamo giustizia...e risentire il nome diMarcucci ci da' i brividi...è nauseante scoprire che ci sono persone che hanno sulla coscienza decine di migliaia di vite spezzate e godono ancora di privilegi contrari ad uno Stato Democratico e di Diritto...sopratutto se tali privilegi possono essere veicolo di nuove tragedie che non saremmo in grado di sopportare,ricordo che anche ai tempi del Ministro Garavaglia(1992)nonostante fosse intimato il ritiro dei prodotti per un allarme,Guelfo Marcucci e le sue aziende svuotarono le scorte di magazzino,scorte confezionate con sangue non testato e che tale pratica cagiono' infezioni che si sarebbero potute evitare...i processi che riguardarono i Marcucci(trento e napoli)evidenziarono il verificarsi di un epidemia ,caduta poi in prescrizione,al punto che il Gip Maria Vittoria De Simone ha aperto un nuovo processo con nuovi capi di imputazione...omicidio colposo plurimo...consiglio vivamente di consultare pagina web www.vittimedelsangueinfetto.com.Nella home page trova video intervista al Gip

    RispondiElimina